1 SGZnsb47nHTLwSEOgDZY9w - Come costruire un muro di contenimento con 530 pneumatici e risparmiare migliaia di euro

Come costruire un muro di contenimento con 530 pneumatici e risparmiare migliaia di euro

So che questo è fuori tema. Ma questo era un mio progetto personale molto caro e credo che valga la pena condividerlo. Inoltre è un ottimo progetto di bricolage – molti di voi qui sono appassionati di bricolage! 🙂

Sono entusiasta di presentare un progetto unico che ho intrapreso, piuttosto raro, soprattutto in Europa: un robusto muro di contenimento di pneumatici realizzato con 530 pneumatici riciclati, ognuno dei quali imballato manualmente con circa 212 tonnellate di terra. Esatto, 530 pneumatici! Ho dedicato innumerevoli ore a riempire di terra ogni pneumatico, lavorando instancabilmente fino a quando le mie mani e le mie spalle non ne potevano più, per poi riprendere felicemente il lavoro il fine settimana successivo. 😎💪

Preparati, questa è una lettura lunga! Ho cercato di includere tutte le informazioni che ritengo utili per chiunque stia pensando di realizzare un progetto simile. Ma puoi semplicemente controllare le immagini e leggere le sezioni più importanti :).

Se preferisci una spiegazione più breve, guarda il mio video:

Questo progetto incarna il classico compromesso: risparmiare una quantità significativa di denaro pur investendo tempo e sforzi considerevoli. Per una persona la cui occupazione principale consiste nello stare seduta dietro a un computer portatile, impegnarsi in questo tipo di lavoro manuale non è stato solo un gradito cambiamento, ma anche un’immensa soddisfazione. È vero quello che si dice: puoi togliere il ragazzo dal villaggio, ma non puoi mai togliere il villaggio dal ragazzo!

Inoltre, è stata un’ottima occasione per creare un legame di qualità con la famiglia e gli amici. Un ringraziamento speciale a mio fratello, che è stato al mio fianco, lavorando instancabilmente. La sua dedizione è stata indispensabile e senza di lui questo progetto avrebbe richiesto il doppio del tempo. Il tempo trascorso insieme è stato pieno di duro lavoro, risate, molte birre, ottima musica e conversazioni e storie memorabili.

La sfida consisteva nel costruire un muro lungo 30 metri e alto da 1,2 metri a 3,5 metri che si piegasse dietro l’angolo della collina (90°) per altri 5 metri. La pendenza era graduale, ma si trattava comunque di un grande muro di contenimento.

Quali erano le opzioni tradizionali?

Ho preso in considerazione diverse opzioni e ho ricevuto dei preventivi. Per darti un punto di riferimento per le citazioni, mettiamo le cose in prospettiva:

L’intera casa container con l’enorme veranda, un pannello solare con batterie che alimentano tutte le luci a LED, prese di corrente e un frigorifero mi è costata circa 18.000 dollari. Tra cui il trasporto del container su un camion per circa 80 km, la trazione su per la collina con un trattore e il posizionamento con una gru. E tutto il lavoro che è stato fatto per renderlo accogliente.

Ma ne è valsa la pena: ora questo è un luogo di pace, un’isola di serenità, lontano dal mondo e dal suo stress, dalla politica, dalla cultura frenetica…

Spero che tu abbia capito che sto facendo tutto questo in modo molto economico e fai-da-te. Quindi, l’esborso di somme ingenti e sproporzionate rispetto all’intero progetto non funzionerà in questo caso.

Tenendo conto di ciò, ecco le opzioni tradizionali:

  • un muro di contenimento in calcestruzzo – questo comporterebbe un’enorme quantità di calcestruzzo e acciaio, camion pesanti che trasportano tutto il materiale da circa 20 km di distanza e il noleggio di tutte le casseforme, che mi costerebbe circa 15.000 dollari. Inoltre, sarebbe brutto: un’enorme lastra di cemento che con il tempo sembrerebbe sempre più malconcia. Non lo volevo.
  • gabbioni – gabbie di filo d’acciaio riempite di rocce – un gabbione è una grande gabbia, un cilindro o una scatola riempita di rocce, utilizzata per il controllo dell’erosione, la stabilizzazione dei pendii e le fortificazioni. Ora, mi piace l’aspetto di questi modelli, ma mi costerebbero più di 17.000 dollari (e questa è solo una stima, il costo reale sarebbe ancora più alto).
  • Blocchi di cemento: costosi quanto un muro di cemento… e brutti quanto un muro di cemento.

Oltre a tutti gli aspetti negativi di queste opzioni tradizionali, ce n’è anche uno importante per me: Mi piace trascorrere il tempo nel mio cottage, con gli amici e/o la famiglia. Mi piace il lavoro manuale sulla parete, dato che la mia professione e la maggior parte degli altri progetti richiedono di stare seduti dietro a un computer portatile. Mi piace bere una buona birra e fare un barbecue dopo una giornata di duro lavoro al sole.

Se chiedessi a un’azienda di costruire un muro di cemento per me, o anche se lo facessi da solo, sarebbe finito in pochi weekend. Sarebbe solo un altro lavoro.

Non si trattava di un lavoro, ma di un’esperienza. esperienza . E indovina a cosa dovremmo dedicare più tempo nella vita ;).

Portate i pneumatici!

Mi sono imbattuto in muri di contenimento di pneumatici soprattutto quando ho attraversato il Sud America con lo zaino in spalla: lì erano molto utilizzati, forse non tanto per muri di contenimento alti, ma per molti altri scopi simili. Poi, ci sono le famose Earthships che utilizzano molto gli pneumatici.

Sono anche una fan del riciclo e del lavorare con ciò che si ha a disposizione invece di produrre cose nuove.

Ecco perché ho pensato:

“Ehi, che ne dici di costruire il muro con i pneumatici! Mi chiedo cosa comporti”.

Prima ne ho parlato con alcune persone, che si sono dimostrate scettiche, soprattutto dicendo che le gomme non avrebbero retto.

Ma ehi, sono un testardo, non è vero?

Ho deciso di fare delle ricerche e ho scoperto numerosi muri di contenimento di pneumatici di grandi dimensioni, molti dei quali superavano le dimensioni di quello che avevo inizialmente immaginato. La mia esplorazione ha rivelato varie tecniche per collegare e rinforzare gli pneumatici, assicurando che fossero strutturalmente solidi e non solo affidati al peso della terra e all’attrito per rimanere al loro posto.

Grazie a queste nuove conoscenze, alla consapevolezza che un muro di contenimento per pneumatici ben costruito può sostenere un peso significativo se realizzato tenendo conto dell’integrità strutturale, e considerando i costi elevati delle soluzioni alternative, la mia decisione è stata chiara. Questa era la strada che avrei intrapreso.

Stiamo costruendo un muro di contenimento per pneumatici.

Procurare gli pneumatici

Ottenere gli pneumatici è facile, basta chiedere: molti servizi automobilistici ti daranno gli pneumatici gratuitamente, dovrai solo pagare il trasporto. Molti locali hanno usato gli pneumatici per qualcosa, ma non ne hanno più bisogno: saranno felici di prenderli.

È così che mi sono ritrovato con il primo lotto di 150 pneumatici e un grande entusiasmo per l’inizio. Abbiamo aspettato che la terra si asciugasse un po’ dopo l’inverno e abbiamo iniziato i lavori.

Quanto tempo ci è voluto?

Nei miei calcoli iniziali (senza sapere quanto si allungheranno gli pneumatici una volta riempiti e di che misura saranno) ho calcolato che avevamo bisogno di circa 750 pneumatici. Alla fine abbiamo usato 530 pneumatici (fiuuu!).

Non avevo idea di quanto lavoro fosse necessario per riempire adeguatamente uno pneumatico di terra e riempirlo di terra, ma ho stimato che ci sarebbe voluta più di un’estate per finire.

Il progetto è durato all’incirca da aprile 2022 al primo fine settimana di novembre 2023, con i nostri sforzi concentrati soprattutto nei fine settimana. Eravamo in balia del tempo, potendo lavorare solo quando la terra era sufficientemente asciutta; quindi, ogni fine settimana bagnato dalla pioggia significava una pausa nei nostri progressi. Il nostro impegno nel progetto è stato bilanciato dai ritmi di vita: ci siamo presi delle pause per le vacanze, gli eventi familiari e i viaggi. Durante i mesi estivi, noi (o io da solo) lavoravamo occasionalmente anche nei giorni feriali. Non ho registrato meticolosamente il numero totale di giorni dedicati al progetto, quindi non posso fornire un conteggio esatto.

Ma una stima approssimativa è di circa 53 giorni. Per saperne di più, leggi la sezione Quanto lavoro c’è da fare?

Ottieni una base solida e piatta

Tenendo presente l’elemento low-cost, è bastato scavare un fossato per la prima fila di pneumatici (invece di una fondazione in cemento). Volevo che si appoggiassero a qualcosa di solido, il terreno era duro e ricco di argilla. (Se non ti interessa tanto il risparmio, potresti gettare le fondamenta in cemento, ma credo che non sia necessario).

È utile iniziare con una prima fila solida, che sia in piano e i cui pneumatici non presentino asperità, poiché qualsiasi asperità potrebbe causare problemi in seguito. Ma uno dei vantaggi di costruire con gli pneumatici è che non sono mattoni – sono di gomma, dopotutto. Se è necessario un livello più basso, si possono riempire di meno, oppure si possono riempire e riempire con più terra per riempire di più in verticale.

All’inizio abbiamo iniziato a posarli usando una livella, ma man mano che procedevamo ci siamo resi conto che non era necessario. Ogni fila di pneumatici può essere regolata, ogni pneumatico può essere regolato in altezza o addirittura in larghezza (puoi comprimere o allungare il pneumatico e fissarlo in posizione con delle viti, ma di questo parleremo più avanti).

Integrità strutturale

Lo scopo di un muro di contenimento è quello di trattenere efficacemente il terreno pesante e l’acqua. È fondamentale considerare che il terreno può aumentare significativamente di peso dopo le piogge, un fattore che potrebbe non essere intuito nei tipici progetti di bricolage.

Per affrontare queste sfide, hai due strade: addentrarti nei tecnicismi del calcolo della pressione esercitata dal terreno bagnato sugli pneumatici a diverse altezze del muro, tenendo conto del tipo di terreno e delle precipitazioni previste; oppure, in alternativa, raccogliere spunti da tutorial su YouTube, consultarti con persone esperte, esaminare altri progetti di muri di contenimento per pneumatici per vedere come si sono comportati e quindi elaborare un piano basato su queste ricerche.

Indovina quale approccio ho scelto? 🙂

Quest’ultima ovviamente! Dato che non si tratta di un muro di contenimento che deve tenere in piedi una strada, credo di potermi permettere una certa licenza creativa.

Ho scelto una via di mezzo: la maggior parte dei progetti che ho visto online costruivano muri di contenimento in gomma che erano meno solidi dal punto di vista strutturale rispetto a quello che ho deciso di costruire io, mentre la maggior parte degli altri progetti – muri di contenimento in cemento e simili – erano molto più solidi dal punto di vista strutturale (ma erano stati creati da ingegneri per grandi progetti con maggiori responsabilità e rischi, con carichi più elevati).

Ecco come abbiamo reso questo muro di contenimento strutturalmente solido.

  • fondamenta solide: la prima fila si trova in una fossa solida, appoggiata a un terreno duro e argilloso che non si muove.
  • incastro/frizione – ogni pneumatico è fissato ai suoi omologhi adiacenti con viti per legno, garantendo un rinforzo a tre vie – entrambi i lati e tre viti nel pneumatico sottostante. Questo metodo non solo aumenta l’attrito necessario per resistere al movimento del terreno che trattiene, riducendo così l’impatto della pressione laterale del terreno, ma stabilizza anche ogni pneumatico durante il processo di riempimento e compattazione. Questa tecnica semplifica notevolmente il compito, in quanto consente di disporre prima una fila completa di pneumatici vuoti, che poi possono essere riempiti progressivamente. Questo approccio apre la possibilità di una divisione del lavoro, in cui un team può concentrarsi sulla messa in sicurezza degli pneumatici mentre un altro li riempie, snellendo l’intero processo.
  • parte inferiore rinforzata – le 5 file inferiori del muro (dove la pressione del terreno tende ad essere più alta) sono tenute in posizione con una barra di ferro di 1 cm (0,4 pollici) ogni 2 metri (2,2 iarde). Queste barre vengono conficcate nel terreno per circa 0,5 m (1,6 piedi).
  • angolo di riposo (inclinazione verso il pendio che sostiene) – ogni fila di pneumatici è sfalsata di circa 10-20 cm (da 3,9 a 7,8 pollici) – più in basso e meno in alto, il che fa sì che il muro si appoggi fortemente al terreno che sta trattenendo (con un angolo/inclinazione di circa 70 gradi). Ciò significa che il terreno retrostante dovrebbe generare una pressione molte volte superiore a quella normale per ribaltare il muro.
  • naturale/di lunga durata e di prevenzione dell’erosione –ho piantato un cotoneaster in quasi tutti gli pneumatici: è un rampicante che cresce vicino al terreno e che mette radici ovunque tocchi il suolo. Crescerà attraverso gli pneumatici e collegherà ciascuno di essi con i suoi rami e le sue radici, fissando ulteriormente il tutto e trasformando il muro di pneumatici in un muro verde in circa un anno. Inoltre, non cresce troppo e le sue radici non danneggiano gli pneumatici.
  • il muro ha una forma a L che gli conferisce maggiore forza e sostegno, come un contrafforte o un contrappeso alla pressione laterale del terreno

Questo è stato il tocco finale, piantando cotoneaster e lavanda nella fila superiore, all’inizio di novembre.

  • Drenaggio: ho assicurato un buon drenaggio del terreno dietro i pneumatici (la maggior parte del terreno è sotto un tetto, riducendo così al minimo l’accumulo diretto di acqua, e l’acqua in eccesso viene portata via da tubi di scarico sotterranei).

Oltre ai soliti attributi positivi di un muro di pneumatici:

  • drenaggio della parete: l’acqua residua non si accumula dietro la parete come nel caso del cemento. Invece, scorre liberamente attraverso la parete del pneumatico, riducendo l’accumulo di pressione.
  • flessibilità – è in gomma – è flessibile, può muoversi e non si rompe. È stato messo alla prova un mese dopo la sua ultimazione da un terremoto di terremoto di magnitudo 5 con epicentro a soli 10 km dal muro.
  • peso: ogni pneumatico contiene circa 4 carriole di terra pesantemente pestata e compattata (una carriola è di ~2,2 piedi cubi (0,06 metri cubi) – ho una vecchia carriola più piccola) di terra all’interno, con alcune rocce. Una carriola di terra è circa 230 lb (100 kg)*4 = 920 lb o 400 kg di terra per pneumatico.
    Questo significa 530*400kg = 212 tonnellate di terreno. Possiamo aggiungere anche il peso di tutti gli pneumatici – 530 * 9kg (peso del singolo pneumatico) = ~4,8 tonnellate. E 18 kg di ~2500 viti di rame… 🙂
    Il peso totale è di 217 tonnellate (239 tonnellate USA). (Merda, abbiamo appena spalato, carrellato e pestato manualmente 217 tonnellate di terra? Oh sì, l’abbiamo fatto!)
  • L’attrito tra i pneumatici : anche spostare un pneumatico vuoto su un altro è difficile. Ora immagina di provare a farlo con uno pneumatico riempito con 400 kg di terra.
  • il terreno alla base del muro non è stato aggiunto di recente ma fa parte della collina esistente, rendendolo più compatto e stabile. Ciò significa che solo circa la metà dell’altezza del muro sta effettivamente trattenendo nuovo terreno.
  • l’altezza del muro varia, partendo da 1,25 metri e salendo gradualmente fino a 3,5 metri. Questa pendenza significa che solo alcune sezioni della parete sono soggette alla massima pressione, che si verifica nel punto più alto.

Per stimare il peso del terreno che un muro di sostegno può sostenere, dobbiamo considerare le dimensioni del muro, la sua costruzione e la fisica della pressione del terreno. Il tuo muro di contenimento, fatto di pneumatici riempiti di terra e rinforzato con viti e barre di ferro, sembra piuttosto robusto. Vediamo il calcolo con i parametri indicati:

Dimensioni della parete Fondazione e struttura:

  • Altezza: 3 metri
  • Spessore: 0,5 metri
  • Una solida fondazione in un fossato contro un terreno argilloso e duro aumenta la stabilità.
    L’incastro delle gomme con viti di legno e barre di ferro nella parte inferiore aumenta notevolmente l’integrità strutturale e la resistenza alla pressione laterale del terreno.
  • Angolo di riposo: l’inclinazione del muro (circa 70 gradi), con ogni fila di pneumatici sfalsata di 10-20 cm, aggiunge una resistenza sostanziale alla pressione del suolo.
  • Vegetazione e drenaggio: La piantumazione di cotoneaster per l’incastro naturale e la prevenzione dell’erosione, unita a un buon drenaggio, aiuta a ridurre la pressione idrostatica e a rinforzare il muro.
  • Flessibilità e peso: La flessibilità della gomma e il peso notevole del muro (217 tonnellate di terra e 4,8 tonnellate di pneumatici) contribuiscono alla sua capacità di resistere alla pressione del suolo.
  • Maggiore integrità strutturale: Il design a L permette di distribuire le forze in modo più uniforme sulla parete. L’angolo in cui le due sezioni del muro si incontrano fornisce un ulteriore supporto e resistenza contro la pressione laterale del terreno.
  • Effetto controbilanciante: La sezione perpendicolare della parete agisce come un contrafforte, fornendo un sostegno e una stabilità supplementari. Questo è particolarmente utile per resistere alle forze di ribaltamento e di scorrimento esercitate dal terreno.

Stima della pressione del suolo:

  • La pressione laterale del terreno su un muro di sostegno dipende dall’altezza del muro e dalla densità del terreno.
  • La densità media del terreno secco è di circa 1,6 tonnellate per metro cubo.
  • La pressione laterale del terreno (P) alla base del muro può essere stimata utilizzando la formula di Rankine per la pressione laterale del terreno, che è P=γh, dove γ è il peso unitario del terreno e ℎ è l’altezza del muro. Tuttavia, questa formula non tiene conto dell’angolo di riposo.

Incorporare l’angolo di riposo:

  • L’angolo di riposo aggiunge un’ulteriore componente di pressione passiva del terreno, che aumenta la capacità del muro di trattenere il suolo.

Dati questi parametri e la complessità di calcolare la pressione esatta considerando l’angolo di riposo, fornirò un calcolo approssimativo del peso del terreno che questo muro potrebbe sostenere:

  • Assumendo la massima pressione laterale della terra senza l’angolo di riposo:
  • Alla base del muro, per un’altezza di 3 metri, la pressione laterale del terreno sarebbe pari a:
1 Eip9QCsZ6dsSc1SBcKRbcQ - Come costruire un muro di contenimento con 530 pneumatici e risparmiare migliaia di euro
  • Per tutta l’altezza della parete, questa pressione varierà da zero in alto al massimo in basso.

Dato l’angolo di riposo e la struttura rinforzata, è probabile che il muro possa sopportare una pressione del terreno superiore a questa stima di base. Tuttavia, per un calcolo preciso, soprattutto considerando l’angolo di riposo e gli elementi di rinforzo, un ingegnere dovrebbe eseguire un’analisi più dettagliata utilizzando formule e metodi specifici di ingegneria geotecnica.

Tieni presente che questi calcoli sono semplicistici e sono da intendersi come una stima approssimativa. Non sostituiscono la necessità di una valutazione professionale, soprattutto se si tratta di una struttura che presenta notevoli rischi potenziali in caso di cedimento.

Beh, è stato un bel colpo! Quindi, tenendo conto di tutto questo, posso dormire tranquillamente sapendo che la parete può resistere parecchio.

Strumenti e materiali necessari

Strumenti

L’aspetto migliore della costruzione di un muro di contenimento per pneumatici è che non hai bisogno di attrezzature pesanti o complicate, tutto ciò che abbiamo usato è stato questo:

  • un martello da 1,5 kg (3,3 libbre)
  • un tamper fai-da-te da 15 kg (33 libbre) tamper – Non si può comprare, l’ha fatto mio fratello, un tubo d’acciaio immerso in un secchio di plastica pieno di cemento. Il secchio viene poi rimosso e si ottiene un pesante tamper fatto di cemento. Probabilmente potresti usare un tamper standard, ma un grande vantaggio del nostro è stata la sua forma rotonda. Un quadrato si incastrerebbe facilmente nel pneumatico (una sorta di rinculo…)
1 9aFyryua5JV6MoCmOzsSLA - Come costruire un muro di contenimento con 530 pneumatici e risparmiare migliaia di euro
  • gancio biadesivo: è un must! Viene utilizzato per sollevare il lato dello pneumatico e consentire di pestare lo sporco sottostante, creando uno pneumatico molto più compatto rispetto a quello che si ottiene senza. L’abbiamo realizzato con due ganci standard in alluminio da ferramenta.
    • oppure puoi usare un piccone per sollevare i lati dello pneumatico: è un po’ più pesante da spostare, ma dovrebbe essere più facile per la tua schiena, dato che ti appoggi al manico del piccone con il peso del corpo invece di tirare verso l’alto con il gancio. Guarda come in questo video.
1 HKVQJxYC7bh V3AQBLLc g - Come costruire un muro di contenimento con 530 pneumatici e risparmiare migliaia di euro
  • un trapano elettrico
  • due pale
  • un piccone + questo potrebbe essere utile – abbiamo creato una sorta di incrocio tra un piccone e uno scalpello – più facile da scalpellare lungo il fianco di un pendio, più facile anche per la tua schiena. È il piccone, ma in verticale, infilato in un tubo d’acciaio:
1 YpEkIlzVlpZv3jsGpKV5XQ - Come costruire un muro di contenimento con 530 pneumatici e risparmiare migliaia di euro
  • una carriola
  • una livella a bolla d’aria – l’abbiamo usata molto all’inizio, poi abbiamo smesso perché ci rallentava e i pneumatici erano abbastanza flessibili e malleabili.
  • guanti, soprattutto quando maneggi il tamper! Anche se le tue mani sono resistenti come il cuoio vecchio, questa bestia di utensile può provocare calli mai provati prima.
  • spago per marcare : lo abbiamo usato per tenere le gomme ben allineate. Non ne avrai bisogno se seguirai i contorni del pendio.
1 CEGNZHJWKv5Zl0Kc3b57eQ - Come costruire un muro di contenimento con 530 pneumatici e risparmiare migliaia di euro

Materiali

  • circa 2500 viti per legno (viti filettate) – la maggior parte erano lunghe 5 cm (2 pollici) e spesse 0,5 cm (0,2 pollici), ma ne abbiamo utilizzate anche il triplo quando necessario. Raccomando vivamente le viti di tipo Torx, che si fissano molto meglio alla punta del trapano. Salva la schiena!
  • pneumatici! 😀
  • un sacco di terra: come già detto, per ogni pneumatico ci vorranno circa 4 carriole (a seconda delle dimensioni della carriola, della dimensione del pneumatico e di quanto è compattato il terreno).
  • rocce piatte – da posizionare come tappo quando due pneumatici si sovrappongono e creano un buco da cui fuoriesce il terreno.
  • barre di ferro: più ne metti, più la parete sarà solida e solida.
  • Ho anche distrutto circa 3 paia di pantaloncini e 4 magliette. Si sono praticamente disintegrati sotto lo stress del sudore, del sole e dell’usura…
1 DCd9m26Q80bQ6ulKw7Sy1g - Come costruire un muro di contenimento con 530 pneumatici e risparmiare migliaia di euro

Quanto lavoro c’è da fare?

Mi fa piacere che tu l’abbia chiesto! Dato che il muro di ognuno avrà un numero diverso di pneumatici, ti darò un’idea di quanti pneumatici puoi fare al giorno, o di quanto tempo ti serve per uno pneumatico. Tutto dipende da questi fattori:

  • la dimensioni dello pneumatico – un 185/65/r14 richiederà meno terreno e lavoro rispetto a un 235/80/r17
  • quali strumenti utilizzerai : noi abbiamo usato un tamper, un gancio e un martello. Altri usano il mangime e una mazza. Il tempo per finire uno pneumatico cambia a seconda degli strumenti che utilizzi.
  • quante persone lavorano con te – per i 180 pneumatici iniziali, si trattava per lo più di due persone, mentre io ne ho fatti circa 100 da solo. Il tratto finale ha coinvolto soprattutto una squadra di quattro persone, che si è dimostrata molto efficiente: due si sono concentrate sul fissaggio dei pneumatici vuoti, mentre le altre due si sono occupate del riempimento. Poiché il fissaggio dei pneumatici vuoti è un’operazione più rapida, i membri del team hanno potuto assistere al riempimento una volta terminato il loro lavoro principale. Questo ha permesso una rotazione fluida tra la compattazione del terreno con rincalzatori e martelli.

Con questa configurazione, siamo riusciti a dedicare circa 3 ore al giorno al puro lavoro hardcore. Potrebbe sembrare una cosa modesta, ma il lavoro fisico di martellatura e martellatura è eccezionalmente faticoso (è davvero stancante, con un gioco di parole! 😊). Mentre altri compiti come posizionare i pneumatici, avvitarli insieme, riempirli di terra e spalare erano relativamente meno impegnativi, tutti dipendevano dal completamento della compattazione dei pneumatici.

Per gestire il carico di lavoro e il caldo estivo di 35 gradi Celsius (95 F), soprattutto sotto la luce diretta del sole, abbiamo adottato un ritmo di “sprint” di 30 minuti di lavoro seguiti da pause di 20 minuti. Questi intervalli sono stati fondamentali non solo per affrontare la sfida fisica, ma anche per rimanere sicuri ed efficienti nel caldo.

3 ore di puro lavoro + 2 ore di pause standard + 2 ore per cucinare e pranzare + 2 ore per altri lavori intorno alle gomme + una nuotata a volte, per finire intorno alle 19:00 per il barbecue è tutto quello che puoi inserire in un giorno senza sforzarti inutilmente. Ma non lasciarti fermare: se puoi lavorare per 8 ore, fallo pure :).

Il nostro obiettivo era anche quello di goderci l’esperienza: ammirare i bellissimi panorami e paesaggi, condividere storie e goderci una birra fresca insieme. Abbiamo mantenuto un buon equilibrio. Dopotutto, non ha senso esaurirsi completamente: non è un gulag!

Con questo ritmo, una squadra di due persone poteva compattare circa 8 pneumatici al giorno fino a ottenere una consistenza molto densa, essenziale per lo strato inferiore. Se si lavora da soli, si può riuscire a compattare 4-5 pneumatici di questo tipo al giorno. Man mano che procedevamo, l’efficienza aumentava, consentendo a due persone di gestire 10-13 pneumatici al giorno nelle fasi successive.

Queste cifre sono approssimative e si basano sulla nostra esperienza. Nel primo anno abbiamo completato circa 180 pneumatici, principalmente con due persone. In prossimità del completamento del progetto, le nostre conoscenze, i nostri trucchi e quindi la nostra produttività si sono impennati: un team di quattro persone ha quasi completato 200 pneumatici in un solo mese.

Prendiamo una media di 10 pneumatici al giorno per facilitare il calcolo:

530 pneumatici / 10 = 53 giorni

Come inserire il terriccio nei pneumatici

Puoi vedere meglio il processo nel mio video “Come realizzare un muro di contenimento per pneumatici”.

Con l’avanzare del progetto, abbiamo continuamente perfezionato i nostri metodi. Inizialmente abbiamo utilizzato una serie di strumenti e tecniche per garantire un lavoro estremamente preciso e un imballaggio più denso degli pneumatici. Nel corso del tempo, abbiamo adattato e snellito i nostri processi per ottenere una maggiore efficienza. In particolare, gli pneumatici vicino alla parte superiore del muro non erano così densi come quelli in basso.

Ogni persona che intraprende un progetto simile scoprirà senza dubbio il suo approccio unico. Sebbene tu possa trovare strategie ancora più efficaci, ecco un assaggio di ciò che ha funzionato in modo efficace per noi:

  • Per prima cosa abbiamo posizionato l’intera fila di pneumatici vuoti e li abbiamo avvitati. Abbiamo usato un filo per tracciare la linea di demarcazione per tenerli allineati, inizialmente anche una livella a bolla d’aria, ma poi abbiamo smesso perché non era necessaria.
  • Poi abbiamo riempito ogni pneumatico di terra, ammucchiandola e coprendo l’intero pneumatico.
  • Il terreno è stato poi pestato e compresso con il tamper (saresti sorpreso dal fatto che uno pneumatico traboccante di terreno appaia improvvisamente vuoto quando il terreno viene compresso).
  • Ripeti (ammucchia di nuovo lo pneumatico con la terra, pestalo di nuovo)
  • Il pneumatico dovrebbe essere pieno per circa il 70% e il terreno dovrebbe essere piuttosto denso grazie al tamper, soprattutto al centro.
  • Ora riempilo un po’, ma non quanto prima.
  • Colpisci la terra dal centro dello pneumatico verso i lati – spingila sotto il fianco dello pneumatico, sollevando il fianco con il doppio gancio, in modo da far entrare più terra. Colpisci con forza: può essere molto difficile
  • Assicurati che lo pneumatico sia solido e compatto. Quando fai pressione sul suo lato, dovrebbe cedere appena e risultare solido al tatto. Uno pneumatico meno denso si indebolirà nel tempo con l’assestamento del terreno, trasformando uno pneumatico morbido in uno ancora più morbido. Al contrario, uno pneumatico imballato densamente diventerà solo leggermente meno denso, mantenendo una maggiore integrità strutturale.
  • Passiamo alla prossima, ne mancano solo 529!
  • È utile avere più persone che lavorano e utilizzare la divisione del lavoro: ogni persona svolge un lavoro specifico e le cose procedono senza intoppi:
1 AUFcLD5a5uXdnghw37mIrA - Come costruire un muro di contenimento con 530 pneumatici e risparmiare migliaia di euro

Assicurati di divertirti: è un lavoro duro, ma allo stesso tempo può essere divertente. Guarda, alla fine sono tutti felici, nonostante i calli!

    Quanto è costato?

    • 350 dollari – scavatrice
    • $380 – materiali – viti, barre di ferro, guanti, ecc.
    • 980 dollari – carrello (anche se servirà per gli anni a venire, quindi non è un costo una tantum)
    • 500 dollari – carburante, consegna pneumatici (prima di acquistare un carrello)
    • $450 – cibo + bevande per gli amici e i parenti che ci aiutano

    TOTALE: $2.660 (alcuni di questi costi si verificherebbero anche con qualsiasi altra opzione)

    Il mio calcolo di 13.000 dollari di risparmio tiene conto del fatto che il calcolo delle “opzioni di muro di sostegno tradizionali” all’inizio è approssimativo e non tiene conto di tutti i lavori di accompagnamento che dovrebbero essere eseguiti.

    Raccomandazioni (che ti faranno risparmiare tempo e nervi!)

    • Utilizza il più possibile pneumatici a basso profilo: è più facile pestare la terra in questi pneumatici perché l’apertura è più grande, non c’è bisogno di usare il gancio (così tanto) o di calciare la terra.
    - Come costruire un muro di contenimento con 530 pneumatici e risparmiare migliaia di euro
    si tratta di uno pneumatico a basso profilo, con solo una piccola parete laterale per spingere il terreno al di sotto.
    1 rENaYujizRu1Os2Yv1YaAg - Come costruire un muro di contenimento con 530 pneumatici e risparmiare migliaia di euro
    Questo NON è uno pneumatico a basso profilo (inoltre è morbido, quindi la gomma cede troppo). Sono ottimi per allungare se hai bisogno di riempire un vuoto più grande o per comprimere in un vuoto più piccolo.
    • Quando martelli il terreno nel pneumatico, usa il martello anche lateralmente. In questo modo spingerai più terra all’interno, e potrai martellarla alla fine con il lato normale del martello.
    1 cI18FzrgAaP k3JoW2z3RQ - Come costruire un muro di contenimento con 530 pneumatici e risparmiare migliaia di euro
    L’uso del martello lateralmente accelera le cose, soprattutto in combinazione con il doppio gancio.
    • Non preoccuparti di livellare (livella). O magari farlo all’inizio, per ottenere un buon livello di partenza, ma non per ogni fila, dato che le gomme sono malleabili e si allungano a seconda della quantità di terra che vi si infila.
    • Cerca di utilizzare il maggior numero possibile di pneumatici della stessa misura, ad esempio 195/16/r15: in questo modo potrai sfalsare più facilmente ogni fila. Ma vanno bene anche pneumatici di dimensioni simili.
    • Compatta accuratamente il terreno all’interno di ogni pneumatico fino a renderlo solido come la roccia. Da quanto ho osservato in numerosi video, molte persone si limitano a calpestare il terreno o a dargli una leggera martellata: questo approccio non è sufficiente per un muro di sostegno alto. Un metodo del genere potrebbe essere adeguato per una parete estetica o divisoria, ma per la stabilità strutturale, ogni pneumatico deve essere ben compatto. Tieni presente che il terreno tende a depositarsi nel tempo. Pertanto, più è morbido inizialmente, più è probabile che il muro ceda e perda la sua integrità nel tempo.
    • Fai una scorta di pneumatici larghi con circonferenze più piccole da usare per riempire i vuoti in cui i pneumatici di dimensioni standard non entrano. Data la difficoltà di acquisire centinaia di pneumatici della stessa dimensione, queste lacune sono inevitabili.
    • Tieni presente che alcuni pneumatici sono più morbidi di altri, a causa di una gomma di qualità inferiore o perché progettati per scopi diversi. Questi pneumatici più morbidi sono particolarmente utili perché possono essere facilmente compressi per adattarsi a spazi più piccoli o allungati per colmare spazi più ampi.
    • Il nostro tamper era di 15 kg, un peso non indifferente – il mio battito cardiaco era a 175 dopo qualche giro. Il vantaggio di questo peso era che svolgeva la maggior parte del lavoro da solo, ma dovevamo comunque sollevarlo noi. Forse usare un peso di 10 kg o anche uno più leggero comprimerebbe comunque il terreno a sufficienza, anche se con un numero maggiore di ripetizioni. Ma ehi, le mie spalle ora sono thiiiiiiiiiiiiiiiiiis larghe.

    Ecco come è andata:

    E cosa fare con gli pneumatici avanzati? Un sacco di cose:

    Lascia un commento

    Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *